Sicurezza dei dati – GDPR

Il Parlamento Europeo, nell’aprile 2016, ha approvato il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) [Regolamento (UE) 2016/679], che entrerà in vigore a partire dal 25 maggio 2018.

Il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), che offre una maggiore tutela alle persone fisiche e rende le aziende più responsabili nell’uso dei dati personali, rappresenta lo sviluppo più importante di questo secolo nella legislazione relativa alla protezione dei dati.
Grazie a questo nuovo Regolamento, la protezione dei dati assume una posizione di prima linea tra i processi aziendali, con un impatto significativo sulla gestione delle informazioni personali relative sia ai clienti che ai dipendenti.

Sono tenuti alla designazione del responsabile della protezione dei dati personali il titolare e il responsabile del trattamento che rientrino nei casi previsti dall’art. 37, par. 1, lett. b) e c), del Regolamento (UE) 2016/679. Si tratta di soggetti le cui principali attività (in primis, le attività c.d. di “core business”) consistono in trattamenti che richiedono il monitoraggio regolare e sistematico degli interessati su larga scala o in trattamenti su larga scala di categorie particolari di dati personali o di dati relative a condanne penali e a reati (per quanto attiene alle nozioni di “monitoraggio regolare e sistematico” e di “larga scala”, v. le “Linee guida sui responsabili della protezione dei dati” del 5 aprile 2017, WP 243). Il diritto dell’Unione o degli Stati membri può prevedere ulteriori casi di designazione obbligatoria del responsabile del trattamento dei dati personali (art. 37, par. 4).

Ricorrendo i suddetti presupposti, sono tenuti alla nomina, a titolo esemplificativo e non esaustivo: istituti di credito; imprese assicurative; sistemi di informazione creditizia; società finanziarie; società di informazioni commerciali; società di revisione contabile; società di recupero crediti; istituti di vigilanza; partiti e movimenti politici; sindacati; caf e patronati; società operanti nel settore delle “utilities” (telecomunicazioni, distribuzione di energia elettrica o gas); imprese di somministrazione di lavoro e ricerca del personale; società operanti nel settore della cura della salute, della prevenzione/diagnostica sanitaria quali ospedali privati, terme, laboratori di analisi mediche e centri di riabilitazione; società di call center; società che forniscono servizi informatici; società che erogano servizi televisivi a pagamento.

News in evidenza

  • Fase 1: Analisi di Progetto

    Studiamo i processi esistenti e identifichiamo i fattori critici da mantenere nel flusso aziendale. I nostri esperti evidenziano le carenze operative,
    identifichiamo anche i rischi e costruiscono il piano di lavoro più idoneo.

  • Fase 2: Progetto e Preventivo

    Formuliamo il progetto, eliminando inefficienze operative e pianificazione per l’abbattimento del rischio. Definiamo e mappiamo la matrice delle competenze, la fattibilità dell’attuazione del nuovo processo ed il preventivo con le parti interessate.

  • Fase 3: Operatività e rilascio

    Piani dettagliati di migrazione ed implementazione consentono una transizione graduale verso la fase di rilascio. Appropriati moduli di istruzione e formazione aiuteranno a gestire il cambiamento. Il nostro team come partner di implementazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie e le privacy policy come da ultimo GDPR 2018. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi